INVESTIRE IN AFRICA: Auguriamo al premier Giuseppe Conte di proseguire bene il suo lavoro per lo sviluppo dell’Africa

GOVERNO CONTE: INVESTIRE IN AFRICA SOLUZIONE ALLE MIGRAZIONI

Aedic è perfettamente d’accordo con il pensiero del Premier italiano Dott.Giuseppe Conte, sulle operazione da condurre per eliminare le cause delle migrazioni e riportare il fenomeno della migrazione nella normalità e creare le condizioni del benessere socio economico in Africa.

In tal senso per chi come te è interessato a saperne di più sulle possibilità di investire in Africa ti consigliamo di ascoltare per intero il servizio del TG1 dove Il primo ministro in carica ha esternato il suo pensiero in tal senso.

Servizio TG1 della RAI Andato in onda il: 28/01/2019

Giuseppe-conte-sergio-costa-fao

Gennaio 2019 / Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, con il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Sergio Costa, il Direttore Generale della Fao, Graziano Da Silva, e Achim Steiner, Responsabile del Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo UNDP

Il premier Conte torna sul tema migranti nel suo intervento all’inaugurazione – a Roma – del Centro per il clima e lo sviluppo sostenibile dell’Africa.

“Rafforzare la collaborazione in quel Continente è un pilastro della nostra politica”,

afferma

“L’Europa promuova investimenti e crescita, senza essere invasiva, è anche questa la via per combattere le cause delle migrazioni”.

servizio apparso sulla RAI1 di Alessandro Gamber : http://www.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-0ea73f10-7a8d-468e-b9d3-a3add5fea74b-tg1.html

Questa direzione è molto interessante per chi desidera investire in Africa ed espandere il mercato della sua società nel continente Africano sapere che il Camerun ha recentemente aperto diverse zone per gli investimenti esteri e la detassazione a chi investe nel paese.

Porto di Kribi: parte la selezione di 1000 persone da impiegare nella fabbrica di elettrodomestici

SVILUPPO IN AFRICA CENTRALE: 1000 posti di lavoro in vista in un progetto per la costruzione di un impianto di produzione di elettrodomestici nel porto di Kribi

terminal-porto-di-kribi-camerunAll’ingresso di Mboro, sede del porto di Kribi in acque profonde nella regione meridionale del Camerun, sono in corso lavori di sterro su una superficie di 20 ettari. In questo sito situato a due passi dall’autostrada Kribi-Lolable, la società industriale di apparecchiature elettriche e aria condizionata (Sicamec) avvierà, all’inizio del 2020, i lavori di costruzione di un impianto di produzione e assemblaggio. frigoriferi, congelatori e condizionatori d’aria. Questo investimento è stimato ufficialmente in 45 miliardi di FCFA.

Il 21 agosto 2019, il CEO di questa compagnia camerunese, Alkis Bruno Domyou Noubi (foto), Alkis Bruno Domyou Noubi ha firmato con il direttore generale del porto autonomo di Kribi (PAK), Patrice Melom, l’accordo per la creazione del futuro impianto Sicamec nella zona industriale del porto di acque profonde di Kribi. “  Questa è la prima volta che  firmiamo un accordo di questo tipo con una società completamente camerunese “, afferma Patrice Melom.

Oltre ad essere la prima compagnia con capitale del Camerun ad ottenere un accordo transattivo nella zona industriale del porto di Kribi, Sicamec è anche il portatore del progetto che, per il momento, avrà il maggiore impatto in termini di creazione di posti di lavoro. Infatti, grazie al suo impianto con una capacità produttiva di 15.000 unità al mese (5000 condizionatori d’aria, 5000 frigoriferi e 5000 congelatori), questa azienda intende creare 1000 posti di lavoro diretti.

Continua a leggere

SVILUPPO IN AFRICA: Oltre venti presidenti africani in Giappone all’apertura del 7 ° TICAD

TICAD-JapponeINVESTIRE IN AFRICA: Oltre venti leader africani stanno partecipando alla settima edizione del vertice della Conferenza internazionale per lo sviluppo africano ( TICAD ) di Tokyo , che ha preso il via oggi (28 agosto) in Giappone.

TICAD si è tenuto in Giappone ad eccezione di TICADVI che si è tenuto in Africa. TICAD7 si svolge a Yokohama, in Giappone.La manifestazione è terminata venerdì 30 agosto 2019.

I leader africani in Giappone includono:

  • Faustin Archange Touadera, Repubblica centrafricana
  • Azali Assoumani, Comore
  • Danny Faure, Seychelles
  • Alpha Conde, Guinea
  • Patrice Talon, Benin
  • Julius Maada Bio, Sierra Leone
  • Andry Rajoelina, Madagascar
  • Ismail Omar Guelleh, Gibuti
  • Joao Lourenco, Angola
  • Hage Geingob, Namibia
  • George Weah, Liberia
  • Felix Tshisekedi, Repubblica Democratica del Congo
  • Uhuru Kenyatta, Kenya
  • Yoweri Museveni, Uganda
  • Abdul Fatten Al-Sisi, Egitto e attuale presidente dell’Unione Africana
  • Paul Kagame, Ruanda
  • Mohamed Abdullahi Farmajo, Somalia
  • Emmerson Mnangagwa, Zimbabwe
  • Faure Gnassingbe, Togo
  • Mahamadou Issoufou, Niger
  • Nana Addo Dankwa Akufo-Addo, Ghana
  • Muhammadu Buhari, Nigeria
  • Cyril Ramaphosa, Sudafrica
  • Ibrahim Boubakar Keita, Mali
  • Edgar Lungu, Zambia
  • Macky Sall, Senegal

I leader della delegazione che non sono presidenti includono:

  • Thomas Thabane, Primo Ministro del Lesotho
  • Everton Herbert Chimulirenji, Vicepresidente del Malawi
  • Isatou Touray, vicepresidente della Gambia
  • Amadou Gon Coulibaly, Primo Ministro della Costa d’Avorio
  • Osman Saleh, ministro degli Esteri se l’Eritrea
  • Abiy Ahmed, Primo Ministro etiope

Martedì 27 agosto si è tenuta la riunione preparatoria ministeriale del TICAD7 a Yokohama e il sig. Taro Kono, ministro degli affari esteri del Giappone, ha partecipato alla riunione in qualità di copresidente e si è radunato per ottenere sostegno per raggiungere un vertice di successo.

Continua a leggere