Camerun – Scheda Paese

Armi camerun

La crescita del Camerun è rimasta forte nel 2014 al 5,3%, ma è rimasto al di sotto del target di crescita media del 6% fissato per il periodo 2010-20 come fissato dal Growth and Employment Strategy Paper (2010-20 GESP), che mira a integrare il Camerun nel gruppo dei paesi emergenti entro il 2035.

L’economia del Camerun ha resistito alle sfide della sicurezza e delle crisi umanitarie ai confini settentrionali con la Nigeria e ai confini orientali con la Repubblica Centrafricana (CAR) e nonostante le economie stagnanti nei paesi OCSE e un rallentamento della crescita tra le economie emergenti.

La crescita del Camerun è stata trainata dal settore secondario e una maggiore offerta di energia e di prodotti agricoli.

Secondo le proiezioni, la crescita è destinata a rimanere forte nel 2015 (5,4%) e il 2016 (5,5%), grazie ad una politica di diversificazione finalizzata allo sviluppo di catene di valore nel settore agricolo e lo sviluppo del settore delle costruzioni e la fornitura di energia.

mappa Cameroun Kamerun Camerun

Oltre a perseguire una politica fiscale moderatamente espansiva, le autorità hanno cercato di mobilitare entrate fiscali e migliorare i rendimenti sulla spesa pubblica.

Essi hanno ridotto significativamente le sovvenzioni poco mirate sui prodotti petroliferi e apportato miglioramenti ai progetti. Il bilancio 2013-15 mira a mantenere la linea esistente della politica di bilancio nel 2015.

Tuttavia, il calo dei prezzi del petrolio durante la seconda metà del 2014 e le spese derivanti dalle crisi umanitarie in Nigeria e CAR hanno costretto il governo a introdurre misure di consolidamento fiscale per evitare che la crescita del deficit.

Il 2010-20 GESP fornisce un quadro per lo sviluppo territoriale in Camerun, ma tradurla in una politica di inclusione spaziale proattiva sta prendendo molto tempo.

Tensioni sottostanti e un senso di esclusione di alcune comunità regionali, accresciuto dallo sconvolgimento demografico provocato dall’arrivo dei profughi dai paesi vicini. Inoltre, anche se i grandi progetti infrastrutturali sono utili in termini di pianificazione e sviluppo regionale, hanno posto una forte pressione su terreni arabili e ha portato a trasferimenti di proprietà di capitale produttivo in varie zone rurali.

Questi cambiamenti minacciano la pace e la coesione sociale del Camerun. Le zone più interessate sono quelle intorno alle dighe Lom Pangar e Memve’ele, il porto in acque profonde in Kribi e le miniere di ferro Mbalam nella regione orientale.

Per quanto riguarda l’interscambio con l’Italia, l’Italia ha esportato nel 2014 merci per 14,105 milioni di Euro, mentre ha importato merci per 1,318 milioni.

L’italia ha esportato prevalentemente macchinari e altre macchine di impiego speciale e Prodotti da forno e farinacei, mentre ha importato prodotti agricoli, e cuoio.

Gestire il cambiamento e la vostra espansione in Africa con calma e professionalità

Grazie agli importanti riconoscimenti e collaborazioni bilaterali con istituzioni, agenzie portuali etc., per la vostra svolta economica in Africa, AEDIC offre l’opportunità di entrare in un porto sicuro, con vantaggi fiscali e detassazione per 10 anni,  concessioni e basso costo di mano d’opera specializzata altamente scolarizzata in posizione centrale in AFRICA.

Quando avete deciso di agire, vi forniamo tutti gli strumenti essenziali di gestione del rischio per tutto il ciclo di vita dell’investimento.

central-africa-kribi-africa-centrale

Aedic con i suoi consulenti vi dà l’opportunità di entrare in Africa Centrale e prendere posizione dove sta sorgendo la città industriale di Kribi.

Guardate questo video per comprendere meglio di cosa stiamo parlando.

Che cosa desiderate fare ora?

se desiderate entrare in contatto con noi per sviluppare la vostra opportunità di Business in Africa compilate il form che vedete quì sotto, un nostro consulente vi contatterà entro 24 ore

    italiacamerun Aedic associazione

    A.E.D.I.C.
    Camerun - Yaounde
    Italy - Gorizia