terminal-porto-di-kribi-camerun

Porto di Kribi: parte la selezione di 1000 persone da impiegare nella fabbrica di elettrodomestici

SVILUPPO IN AFRICA CENTRALE: 1000 posti di lavoro in vista in un progetto per la costruzione di un impianto di produzione di elettrodomestici nel porto di Kribi All’ingresso di Mboro, sede del porto di Kribi in acque profonde nella regione meridionale del Camerun, sono in corso lavori di sterro su una superficie di 20 ettari. In questo sito situato a due passi dall’autostrada Kribi-Lolable, la società industriale di apparecchiature elettriche e aria condizionata (Sicamec) avvierà, all’inizio del 2020, i lavori di costruzione di un impianto di produzione e assemblaggio. frigoriferi, congelatori e condizionatori d’aria. Questo investimento è stimato ufficialmente in 45 miliardi di FCFA. Il 21 agosto 2019, il CEO di questa compagnia camerunese, Alkis Bruno Domyou Noubi (foto), ha firmato con il direttore generale del porto autonomo di Kribi (PAK), Patrice Melom, l’accordo per la creazione del futuro impianto Sicamec nella zona industriale del porto di acque profonde di Kribi. “  Questa è la prima volta che  firmiamo un accordo di questo tipo con una società completamente camerunese “, afferma Patrice Melom. Oltre ad essere la prima compagnia con capitale del Camerun ad ottenere un accordo transattivo nella zona industriale del porto di Kribi, Sicamec è anche il portatore del progetto che, per il momento, avrà il maggiore impatto in termini di creazione di posti di lavoro. Infatti, grazie al suo impianto con una capacità produttiva di 15.000 unità al mese (5000 condizionatori d’aria, 5000 frigoriferi e 5000 congelatori), questa azienda intende creare 1000 posti di lavoro diretti.