OPPORTUNITA’ DI SVILUPPO IN AFRICA: La BEAC cambia le regole per i trasferimenti di danaro tra residenti e stranieri

beac banca centrale del camerun - CopiaIn una lettera circolare del 14 agosto, Abbas Mahamat Tolli , il governatore della Bank of Central African States Beac, chiarisce i trasferimenti al di fuori di Cemac :

  • Camerun
  • Repubblica Centrafricana
  • Congo
  • Gabon
  • Guinea Equatoriale
  • Ciad

su i profitti generati da non residenti e residenti stranieri.

“  Tutto il reddito da lavoro pagato in FCFA può essere trasferito al di fuori del CEMAC, a condizione che il non residente o il residente straniero forniscano la prova dell’assunzione di una parte delle sue spese locali (affitti, spese di hotel e altri articoli di sussistenza). In caso contrario, l’importo del reddito da lavoro da trasferire non può superare il 75% di questo reddito  ” , 

afferma il documento firmato dal governatore. Tuttavia, afferma, il trasferimento del reddito da lavoro in valuta estera a non residenti stranieri è gratuito.

Continua a leggere

BORSA DEL CEMAC – La Banca mondiale fornisce assistenza per la sua realizzazione

La Banca mondiale fornisce assistenza nella seconda fase del progetto di unificazione della borsa Cemac

(Invest in Camerun) – La Bank of Central African States (Beac) riferisce che la seconda fase del progetto di unificazione per la borsa CEMAC è già iniziata. Ciò avviene attraverso una missione della Banca mondiale sulla ristrutturazione e lo sviluppo delle entità unificate del mercato finanziario regionale (autorità di regolamentazione, borsa e depositario centrale).

Il Beac spiega che il sostegno previsto dalla Banca mondiale si concentrerà su tre aspetti essenziali, vale a dire l’armonizzazione del corpus regolamentare, l’ottimizzazione delle infrastrutture di mercato (piattaforma di rating, sistema informativo del depositario centrale, ecc.). e rafforzare le capacità umane delle varie strutture unite.

L’obiettivo della missione di assistenza della Banca mondiale è in definitiva quello di raggiungere “ la creazione delle condizioni di partenza per la rivitalizzazione del mercato finanziario regionale mediante forti misure una tantum da parte degli Stati, in particolare attraverso contributi diretti in titoli. negoziazione a breve termine (programmi di privatizzazione, misure di ultima istanza che costringono alcune società che operano nel CEMAC a introdurre una parte del loro capitale nel mercato, ecc. ) “, afferma la Banca centrale.

L’istituzione di Bretton Woods deve inoltre consentire lo sviluppo di “modelli” di emittenti e intermediari di riferimento in grado di trasportare il mercato e trasmettere un’immagine positiva, promuovendo attivamente il mercato a potenziali emittenti attraverso un piano di marketing, supporto e sviluppo della cultura locale degli stock.

Infine, si tratterà di passare all’elaborazione di un programma di strutturazione dell’offerta a medio termine, al fine di adattarlo alle esigenze di finanziamento delle economie e ai comportamenti degli investitori di Cemac (Camerun, Repubblica centrafricana, Congo, Gabon, Guinea Equatoriale e Ciad). A tal fine, afferma Beac, considerare di allentare le condizioni per l’accesso al mercato azionario o di creare un comparto dedicato alle piccole e medie imprese.

Nonostante alcuni ritardi che hanno causato un leggero spostamento nel periodo iniziale (fissato a fine settembre 2018, quindi rinviato a fine novembre 2018), la prima fase della fusione dei mercati finanziari di Cemac è stata completata a luglio 2019. questa prima fase, il processo di fusione delle strutture dei due mercati azionari dell’Africa centrale, ha portato a una nuova configurazione del mercato finanziario regionale articolata attorno a un unico regolatore, con sede a Libreville (Gabon) e una borsa unica, la cui la sede principale si trova a Douala (Camerun). Questa borsa è il risultato della fusione di due borse esistenti (Central African Securities Exchange [Bvmac] e Douala Stock Exchange [DSX]).

 

BANQUE DES ETATS DE L’AFRIQUE CENTRALE – BEAC

BEAC (ingl. Bank of Central African States- BCAS).

beac banca centrale del camerunTrae origine dalla Banque Centrale des Etats de l’Afrique Equatoriale et du Cameroun (BCEAEC) derivata a sua volta nel 1959 dalla riorganizzazione dell’Institut d’Emission de l’Afrique Equatoriale Francaise et du Cameroun.

La trasformazione della BCEAEC in BEAC è avvenuta in seguito alla stipula il 23.11.1972 di una nuova convenzione di cooperazione monetaria con la Francia da parte di cinque Paesi:

  • Cameroun,
  • Repubblica Centro-Africana,
  • Chad,
  • Repubblica del Congo
  • Gabon

ai quali si è aggiunta la Guinea equatoriale il 1°.1.1985 e che costituiscono un’unione monetaria, l’UMAC.

I sei Paesi rientrano nell’area del franco francese (q.v. per gli effetti del passaggio all’euro) e la BEAC è l’istituto di emissione del franco CFA, moneta legale regionale liberamente convertibile in franchi francesi e, dal 1°.1.1999, in euro.

La Banca ha sede a Yoaundé (Cameroun) ed è retta da un Governatore e da un direttorio composto da 13 membri, 10 nominati dai sei Stati membri e tre dalla Francia.

La Banca ha esercitato la vigilanza bancaria fino al 1992. In quest’anno l’ufficio è stato scorporato ed eretto con decorrenza 22.12.1992 in autonoma Commission Bancaire de l’Afrique Centrale: (COBAC) incaricata di redigere la normativa bancaria e della vigilanza.

La COBAC è presieduta dal Governatore della BEAC mentre il Segretario generale è nominato dal Conseil des Ministres della CEMAC (Communauté Économique et Monétaire de l’Afrique Centrale).