The International Contract: in general

 The Civil Law

It consists of the legal systems of Continental Europe as well as the legal systems that transposed it through colonisation.

The first modern codification was issued in 1804 by Napoleon.

The year 1900 saw the birth of the German Civil Code. 

 The Civil Law Reference Codes

The Code Napoléon is the first code in the modern sense.

Napoleon conquered several European states, also imposing his code. Having defeated Napoleon, we have the period of the Restoration, but in many states the code is maintained because it is considered to be an excellent code. 
This is the case in Belgium, where Napoleon brings his own code, which even retains its original appearance because French is spoken in Belgium.Let us examine the situation on the Italian peninsula over the last two centuries.
Napoleon arrived on the Italian peninsula and imposed his own code in the territories he subdued. 

It is 1861: Italy is united under a single authority and, consequently, it is decided to recodify, replacing the pre-unification codes with a single civil law code and a single commercial law code.The italian civil code of 1865 was essentially a translation of the French Civil Code.
That of trade was 1882.

Currently, Italy has a civil code enacted in 1942 that replaced the two previous codes (civil and commercial) by incorporating the subject matter of commercial law into the single civil code.

A slightly different path is followed in Germany. 

Until the end of the 19th century it was divided into Laendereach with its own right. German jurists from the beginning of the 19th century onwards, driven by the usual economic motives, began to advocate legal unity. A problem arose: extending the law of one Land to the whole of Germany was an impracticable solution because the other Laender would not accept it. 
The ingenious idea came from the jurist Frederick Charles von Savigny, who proposed, by founding the historical school of law, to rediscover and realise a law for the whole of Germany based on Roman law. 
Von Savigny writes a work entitled The current Roman law system.

Von Savigny is successful, forming a school, which culminates in the late 1800s with the publication by Bernardo Winscheid of a work entitled Pandettein which he describes a legal system that could have been the German legal system, based on Roman law.

These jurists, in particular Winscheid, were the starting point for the German legislator when Germany united.

In 1900, in Germany, the Civil Code (BGB) and the Trade Code (HGB).

The Common Law

It consists of the English Legal Order 'exported' to its colonies. 
The pre-eminent role among the sources of law is played by the jurisprudence i.e. court rulingswhich constitute the main source of law in private matters.
There is no codification the rule is derived from judicial precedent (principle of the stare decisis) giving rise to a right of a casuistic nature.
Next to jurisprudence, which is therefore the primary source, we find the law.

The law is considered a secondary source of law.
The law is conceived as an instrument to add something, improve or correct the Common Law.
The English jurist tends to interpret the law literally and not examine its ratio.

Civil and Commercial Law

Within private law, civil law is traditionally distinguished from commercial law:

  • the Civil Law concerns the family, associations, rights in rem and property rights;
  • the Commercial Law is the regulation of entrepreneurship, commercial contracts, bankruptcy, and industrial law.

In many Civil Law countries we find a civil code and a commercial code (e.g. France - Code Civil and Code Commerciale).
On the other hand, in some countries, including Italy since 1942, Russia, the Netherlands, and Brazil, we currently have only one code of private law called the Civil Code, which contains both civil and commercial law rules.

The Concept of Equity Typical of Common Law Systems

L'equity intervenes, in a supplementary manner, whenever the application of the strict law is unfair in practice, operating as a criterion of justice that takes into account the particularities of the case and the related human circumstances, in order to achieve the so-called individual case justice.

The Lex Mercatoria

It is that body of rules and institutions concerning international trade commonly applied by the mercatores (entrepreneurs) in the knowledge that the other contractors will behave according to the same rules.

It constitutes a autonomous supranational legal systemas distinct from state laws, directly applicable to contracts in international trade instead of the provisions of national laws, and originating from:

  • general principles of lawgood faith and fair dealing
  • customs and habits of international trade
  • regulations established by international arbitration jurisprudence
  • internationally uniform contractual modelsmade legitimate in relation to individual national rights by the principle of contractual autonomy applicable in each of them.

The examples of international agency contracts and sales concessions drawn up by the International Chamber of Commerce in Paris (ICC) fall within the type of contract just described.

As are the FIDIC rules on international procurement.

These constantly forming and evolving rules mean that the Lex Mercatoria cannot ensure a sufficient degree of certainty as to the set of rules that will govern the contract. Hence its assumption as the sole source of regulation of the contract, other than the agreement between the parties, is inadvisable.

The Uses of International Trade

These are considered to be those behaviours that are voluntarily and repeatedly adopted by the generality of economic operators, who consider their observance to be mandatory. 

Belonging to this category of uses are the so-called Incoterms and the Uniform Rules on Documentary Credits, both collected and published, by the International Chamber of Commerce.

Conventions

With reference to the contracting parties, the Conventions may be:

  • multilateral
  • bilateral

In relation to content, the Conventions are divided into:

  • Substantive conventions, which in turn are subdivided into:
    • Uniform substantive law conventions such as the C.I.S.G. 1980.
    • Conventions for the approximation of laws.
  • Private international law conventions such as Regulation EU/593/2008.
  • International procedural law conventions such as the 1958 New York Convention on the Enforcement of International Arbitral Awards.

The Unidroit Principles of International Commercial Contracts

Such a source could be described as 'doctrinal' given the way in which its papers are formed.

L'UNIDROIT - www.unidroit.org - is the International Institute for the Unification of Private Law: Institut international pour l'unification du droit privé, da cui l’acronimo), è un’organizzazione internazionale che persegue l’armonizzazione del diritto internazionale privato.Tra i suoi progetti vi è la produzione di bozze di trattati internazionali e di leggi.
L’Istituto si finanzia con quote degli Stati membri e un finanziamento di base del Governo italiano. Singoli progetti hanno poi specifici finanziamenti.
Le sue lingue ufficiali sono inglese, francese, tedesco, italiano, spagnolo; lingue di lavoro sono inglese e francese.

L’obiettivo dell’UNIDROIT è quello di individuare i princìpi comuni alla maggior parte dei sistemi giuridici esistenti e di elaborare una normativa che possa essere facilmente applicata a livello internazionale, semplificando i rapporti giuridici che molto spesso vedono coinvolti parti provenienti da ordinamenti estremamente diversi tra loro.Si possono applicare ai contratti internazionali solamente se sono espressamente richiamati e potrebbero integrare la normativa statale di riferimento.
Visto il tecnicismo della scelta, si consiglia sempre di affidarsi a un avvocato esperto di diritto contrattuale internazionale.

EU Community Sources

I principali atti aventi natura normativa emanati dagli organismi competenti dell’Unione e capaci di far riverberare i propri effetti anche in campo contrattuale sono i Regolamenti e le Direttive.

Dalla definizione contenuta nell’art. 288 del TFUE, si evince che il Regolamento ha portata generale; è obbligatorio in tutti i suoi elementi ed è direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Ciò significa che le disposizioni comunitarie contenute in un Regolamento, alla stessa stregua delle disposizioni nazionali, spiegano i propri effetti nei confronti di qualsiasi soggetto (pubblici e privati) e quindi anche nei rapporti contrattuali in cui lo stesso sia parte.

La Direttiva è indirizzata e vincola lo Stato membro cui è rivolta per quanto riguarda il risultato da raggiungere, salva restando la competenza degli organi nazionali in merito alla forma e ai mezzi per perseguire tale risultato.

Gli Stati membri sono dunque vincolati dalle disposizioni contenute nelle Direttive e sono tenuti a darvi attuazione sul singolo territorio nazionale mediante l’emanazione di provvedimenti da emettersi entro i limiti temporali dettati dalla direttiva stessa. 

International law systems, justice, human rights and global business education concept with world flags on a school globe and a gavel on a desk isolated on white background.

The contract negotiation phase and its conclusion

Le trattative che precedono l’eventuale stipula di un contratto, comportano normalmente l’impiego di tempo e risorse, nonché l’assunzione di spese e tali attività rischiano di essere ancora più importanti laddove le trattative si riferiscano ad un contratto internazionale.

Proprio queste peculiarità che caratterizzano la fase delle trattative dei contratti internazionali hanno fatto sì che si sia sempre più affermato nella prassi l’uso di redigere documenti pre-contrattuali il cui scopo è proprio quello di organizzare e registrare il procedere delle trattative.

Tali documenti denominati letter of intent (LOI) o memorandum of under-standing (MOU), non vanno confusi con il futuro contratto per la conclusione del quale si intavolano le trattative, né la eventuale violazione degli obblighi che con essi le parti eventualmente si danno può essere sanzionata mediante la conclusione “coartata” del contratto (ad esempio: esecuzione in forma specifica).

Essi tendono a prevenire e regolare gli effetti di eventuali condotte scorrette delle parti nel corso della fase delle trattative.Perché è importante definire il momento di conclusione del contratto?

  1. solo da quel momento sorgono le obbligazioni contrattuali
  2. fino a quel momento, di regola, i soggetti che stanno trattando possono revocare le proprie manifestazioni di volontà

Quindi, quando il contratto si può dire concluso?
Tutti gli ordinamenti concordano sul fatto che il contratto si perfezioni mediante l’incontro di una proposta e di una accettazione.

Che caratteristiche deve avere l’offerta contrattuale cioè utilizzando un linguaggio tecnico/giuridico la proposta?
L’offerta contrattuale (offer/proposal) è l’iniziativa di colui che propone la stipula di un contratto. 
Perché una manifestazione di volontà possa essere qualificata come offer occorre innanzitutto che manifesti l’intenzione di vincolarsi in caso di accettazione ed indicare il contenuto del costituendo rapporto contrattuale.
L'offer è qualcosa di diverso dall’ “invitation to make an offer” (invito ad offrire-proporre), in cui un soggetto semplicemente stimola un altro soggetto ad emettere una proposta.

What is meant by acceptance?

L’Accettazione è la manifestazione di volontà di colui che riceve la proposta, la quale fondendosi con la proposta, dà luogo al contratto.
Per costituire una valida accettazione, e determinare così la conclusione del contratto, deve esserci una manifestazione di volontà speculare rispetto alla proposta, cioè ad essa esattamente conforme, al di là delle parole o della forma utilizzata.
Quindi non vi è accettazione quando la manifestazione di volontà dell’oblato inserisce degli elementi ulteriori rispetto a quelli indicati dalla proposta costituendo una controproposta.

Vale in altre parole la mirror image rule, cioè la regola dell’“immagine speculare”. 
Finché le parti si “rimpallano” delle proposte e delle accettazioni diverse non c’è conclusione del contratto che si avrà soltanto quando proposta ed accettazione saranno identiche.
L’accettazione deve poi essere comunicata al proponente: il mero silenzio non vale a presumere alcuna accettazione anche se il comportamento concludente vale come accettazione.

Battle of the forms

Se le parti si inviano reciprocamente le proprie condizioni generali di contratto nel linguaggio anglosassone si parla di Battle of the forms.

Tra le tesi che si contendono il campo per spiegare il funzionamento di questo istituto giuridico c’è la c.d. last shot (l’ultimo colpo), nel senso che se la parte che riceve una counter offer esegue la propria prestazione con questo comportamento, che si definisce “concludente”, tale parte accetta, consegnando o eseguendo la prestazione di fare. La counter offer, cioè la contro proposta, quindi diviene il last shot, cioè l’”ultimo colpo”, nel senso di ultima modifica apportata alla documentazione che le parti si stanno scambiando.

Time of conclusion of the contract

Talune differenze concettuali fra i vari ordinamenti si registrano riguardo il momento. in cui si può considerare stipulato l’accordo fra contraenti distanti fra loro.

In proposito, i modelli principali sono tre:

  1. principio di cognizione, adottato anche in Italia, art. 1326, comma 1, c.c. ed è basato sul principio per cui un contratto non si considera concluso se non quando l’accettazione giunge a conoscenza del proponente;
  2. principio di ricezione, è quello per cui il contratto si perfeziona quando la dichiarazione dell’accettante è giunta all’indirizzo del proponente, indipendentemente dall’effettiva conoscenza che il proponente può averne avuto;
  3. principio di spedizione (mail box rule) tipico dei paesi di Common Law che si fonda sul principio per cui il contratto si conclude nel momento in cui l’accettante emette la sua dichiarazione affermativa in direzione del proponente. 

In base a questo principio l’accettante non può più, spedita l’accettazione, revocare la stessa.

General Terms and Conditions of Contract Abuse of Rights and Infringement Clauses

Le condizioni generali di contratto sono quelle clausole generali che l’imprenditore utilizza nella generalità dei contratti da lui conclusi.

Le condizioni generali divengono spesso il mezzo con cui l’imprenditore “forte” propone all’imprenditore “debole” un contratto stilato in modo tale da garantire il massimo favore per il redattore riuscendo ad imporle.

Parlando di condizioni generali di contratto è opportuno ricordare quanto previsto dagli artt. 1341 e 1342 c.c. italiano (c.d. clausole vessatorie), che richiedono che certe clausole inserite in condizioni generali od in moduli e formulari “debbano essere specificamente approvate per iscritto” da colui a cui sono sottoposte.

In pratica sarà necessaria una doppia sottoscrizione per accettazione delle clausole sopraindicate da parte di chi “subisce” il contratto già predisposto.

L’applicazione degli artt. 1341 e 1342 c.c. ai contratti internazionali è discussa. 

Tuttavia, essendo la regola della “doppia firma” presente nel diritto italiano, se il contratto internazionale è governato dal diritto italiano è consigliabile predisporre il contratto inserendo la “doppia firma”.

italiacamerun Aedic association

A.E.D.I.C.
Cameroon - Yaounde
Italy - Gorizia

en_GBEnglish (UK)