• +39 334 3482408
  • info@aedic.eu
  • Mon - Fri: 9:00 - 18:30

boko haram

Lotta contro il terrorismo BOKO HARAM Elements of the Airborne Troop Battalion sbaraglia gli aggressori a Lebialem

Airborne Troop Battalion sbaraglia Boko Haram a Lebialem

Lotta contro il terrorismo: Elements of the Airborne Troop Battalion sbaraglia gli aggressori a Lebialem I valorosi soldati dell’esercito camerunese, in sette contro 15 terroristi, sono riusciti a neutralizzare un gruppo di quindici terroristi, armati e vestiti in tute mimetiche che si erano prefissati l’obiettivo di distruggere i rifornimenti e i Doni offerti dalla coppia presidenziale alla popolazione.

paul-biya-conto-boko-haram

Boko Haram: Paul Biya sostiene i membri del comitato di vigilanza contro il Terrorismo nel Nord del Camerun

Combattere Boko Haram. Questa è la parola d’ordine. E’ Paul Biya il presidente del Camerun che sostiene e invia donazioni ai membri del comitato di vigilanza che combattono Boko Haram nel Nord del Paese. Il capo dello stato del Camerun, il presidente Paul Biya, sta lavorando per sostenere i membri dei gruppi locali di vigilanza e difesa a Kousseri, nella regione del Far-North, tutti questi gruppi operano per respingere le incursioni del gruppo jihadista Boko Haram

lotta contro boko haram terrorismo

Lotta contro Boko Haram: un camerunese di 25 anni progetta un drone solare

Con questo drone solare, sarà possibile monitorare i confini e combattere l’insicurezza. È una grande rivoluzione e un’innovazione. È anche e soprattutto un supporto importantissimo nella lotta contro la setta terrorista Boko Haram, che sconvolge la vita dei camerunensi che vivono nella regione del Far North, da molti anni buoni. Borel Teguia , un giovane ingegnere delle energie rinnovabili conosce molto bene la situazione nell’estremo nord. Ed è forte quello, che voleva al suo livello contribuire alla lotta contro questa setta terroristica. “Dopo aver seguito gli studi superiori nell’estremo nord del Camerun e aver visto costantemente molte famiglie costrette a lasciare le loro case a causa della guerra, mi sono detto che bisognava fare qualcosa. Perché non c’è niente di più orribile della guerra e niente di più importante di una vita umana. È così che ho iniziato a lavorare su questo dispositivo in miniatura che poteva volare, scattare immagini visualizzabili in tempo reale e monitorare meglio i confini del Camerun. Volevo, per così dire, dare al cielo camerunese un occhio che sorveglia i suoi confini “, dice al microfono del nostro collega Sputnik.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi