CAMERUN – I padri Gesuiti sviluppano progetti formativi

Douala – I padri Gesuiti promuovono sia progetti di microimprenditoria e anche a salvare i banani dall’estinzione. È questo il progetto lanciato a Douala capitale economica dai gesuiti del Camerun. Un’iniziativa che ha una doppia valenza, formativa e naturalistica, in un contesto non semplice come quello del Paese africano. L’agenzia Fides sta portando avanti In Camerun questi interessanti progetti dove oltre tre milioni di ragazzi e ragazze non hanno raggiunto il livello minimo di formazione scolastica. Il 70% delle ragazze è analfabeta. Questo fenomeno è particolarmente visibile nelle regioni settentrionali, dove oltre un milione di ragazze tra i 10 e i 19 anni non sa leggere né scrivere (il 31,9% delle ragazze della regione).