Chiesa Cattolica – Elezioni 7 Ottobre e Crisi Anglofona

Nelle prossime elezioni la Chiesa cattolica ha proposto in una lettera episcopale al “popolo di Dio del Camerun e a tutti i camerunensi”, di votare alle prossime elezioni, “candidati capaci di far fronte alla crisi socio-politica” che attraversa il Camerun.

cameroun paul-biya voto poto di archivio

I vescovi del Camerun hanno anche proposto ai Camerunensi di scegliere solo quelli che sono in grado di “promuovere l’unità del Paese, la sua vera indipendenza”.

A tal fine, il vescovo Samuel Kleda, che firma la lettera, nella sua qualità di presidente della Conferenza episcopale nazionale del Camerun, esorta i camerunensi a interessarsi solo a programmi politici che “portano soluzioni reali ai problemi che affliggono il paese. “.

Tra questi problemi, Samuel Kleda, arcivescovo di Douala, cita

“la corruzione, la perdita del senso del bene comune, la crisi nelle regioni nord-ovest e sud-ovest, le disuguaglianze sociali, la disoccupazione giovanile, la lotta contro Boko Haram, le sfide del mondo giudiziario, salute, istruzione, infrastrutture, … ecc. “.

La lettera dei vescovi è anche un invito a una massiccia partecipazione del popolo a “esercitare la sua sovranità scegliendo liberamente, pacificamente e responsabilmente i suoi leader”. Tuttavia, la Chiesa cattolica esorta i suoi fedeli e le persone di buona volontà a fare scelte che non siano in contrasto con le loro credenze ispirate al Vangelo. Continua a leggere

Chi è l’autore?

Roberto de Bortoli, Scrittore, S.E.O.  e Copywriter appassionato di Social Media Marketing, in passato ha collaborato con studi di consulenza per l’internazionalizzazione d’Impresa in Est Europa e frequentato per un periodo il MIB. Managament International Business di Trieste.

Camerun Crisi anglofona: il governo annuncia aiuti alle popolazioni rifugiate in Nigeria

Questa azione fa parte dell’attuazione del piano di assistenza umanitaria d’emergenza per le popolazioni delle regioni nord-occidentale e sud-occidentale.

Il ministro della Comunicazione, Issa Tchiroma Bakary, lo ha annunciato giovedì 5 luglio a Yaoundé, nel corso di una conferenza stampa durante la quale ha ribadito gli obiettivi di questo piano di emergenza deciso dal Presidente della Repubblica , Paul Biya. Sotto, la totalità delle sue osservazioni:

Signore e signori, giornalisti,

Come sapete, il 20 giugno 2018, il Primo Ministro , Capo del Governo, ha lanciato personalmente il Piano di assistenza umanitaria di emergenza deciso dal Capo dello Stato , Sua Eccellenza Paul BIYA , a beneficio della popolazione civile Regioni del Nord Ovest e del Sud-Ovest, vittime di violenze e altri abusi perpetrati da bande terroristiche che rivendicano movimenti secessionisti in queste due regioni.

Continua a leggere

Chi è l’autore?

Roberto de Bortoli, Scrittore, S.E.O.  e Copywriter appassionato di Social Media Marketing, in passato ha collaborato con studi di consulenza per l’internazionalizzazione d’Impresa in Est Europa e frequentato per un periodo il MIB. Managament International Business di Trieste.