• +39 334 3482408
  • info@aedic.eu
  • Mon - Fri: 9:00 - 18:30

Yaoundé: Sicurezza cittadina la polizia inaugura un nuovo centro di comando per la videosorveglianza

La cerimonia di inaugurazione di questo centro di monitoraggio si è svolta il 22 agosto 2019 nel distretto di Etoudi, a Yaoundé.

Yaoundé: Sicurezza cittadina la polizia inaugura un nuovo centro di comando per la videosorveglianza

La sicurezza nella capitale Yaoundé sarà rafforzata grazie al nuovo centro di sorveglianza che verrà inaugurato oggi. Christian Ndoua Zé, capo della Divisione delle comunicazioni presso la delegazione generale per la sicurezza nazionale (Dgsn), indica che con questo Centro, il sistema TVCC della capitale passa da 70 telecamere di controllo al suo lancio, a quasi 2.000 al momento. L’infrastruttura nel distretto amministrativo è stata dotata di generatori elettrici. Ciò significa che ha garantito l’autonomia e può fornire il servizio per il quale è stata costruita senza problemi.

Va fatto notare che con questo nuovo centro di comando di videosorveglianza, la polizia camerunese entra in una nuova fase di tutela del territorio dal crimine, a tutela del territorio nazionale e in particolare della città di Yaoundé.

Va ricordato che è il 7 agosto 2014 che le autorità hanno avviato la fase pilota del progetto di sorveglianza nazionale. Ed è oggi che Yaoundé è stato messo sotto sorveglianza video. Il progetto, avviato naturalmente dal Dgsn, era stato testato in sei siti pilota, vale a dire Douala nel litorale, Yaoundé nel centro, Kyé-Ossi nel sud, Kousseri e Waza nell’estremo nord e Garoua-Boulaï. ad est.

Per quanto riguarda la città di Yaoundé, che è ancora sotto i riflettori oggi, le telecamere miniaturizzate fissate in dispositivi simili ai lampioni solari sono state poste in angoli come l’ufficio postale centrale, Kennedy Avenue, il Boulevard du 20 mai, il Carrefour Warda, il mercato di Elig Edzoa, il ponte della stazione ferroviaria ecc … L’anno scorso, le fonti hanno rivelato che Martin Mbarga Nguele, Delegato Generale alla Sicurezza Nazionale, aveva rinforzato le telecamere di sorveglianza per le strade dalla capitale.

Al momento, la fase di test è passata. Siamo nella fase di estensione del progetto. Questo, va sottolineato, è stato caratterizzato dall’installazione di attrezzature complementari. Questi hanno persino contribuito a rafforzare la copertura di sicurezza della Coppa delle nazioni africane che il Camerun ha ospitato nel 2016. Si prevede che le strutture continueranno fino al 2020, in modo da coprire l’intero territorio. .

Alla fine, le autorità prevedono di avere circa 5.000 telecamere a circuito chiuso per la copertura delle dieci regioni del paese e l’istituzione di un sistema di gestione delle chiamate di emergenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi