25 maggio giornata dell’Africa

La giornata dell’Africa ricorre annualmente il 25 maggio, anniversario della fondazione dell’Organizzazione dell’unità africana (chiamata dal 2002 Unione africana) fondata il 25 maggio 1963, giorno in cui i leader di 30 dei 32 stati indipendenti del continente firmarono lo statuto ad Addis Abeba, in Etiopia. Tuttavia, il nome e la data della Giornata dell’Africa sono stati mantenuti come celebrazione dell’unità africana.

Oggi 25 maggio, alle ore 10, il Ministro Luigi Di Maio inaugurerà alla Farnesina la “Giornata dell’Africa”, che commemora l’anniversario della nascita dell’Organizzazione dell’Unità Africana (fondata il 25 maggio 1963 ad Addis Abeba e diventata, dal 2002, Unione Africana). L’edizione di quest’anno sarà dedicata alla letteratura africana.

Interverrà in apertura anche l’Ambasciatore a Roma della Repubblica del Senegal, Papa Abdoulaye Seck, Paese che detiene la Presidenza di turno dell’Unione Africana, mentre la Vice Ministra Sereni chiuderà i lavori che saranno trasmessi in streaming sul canale YouTube del MAECI.

Che cos’è il Mal d’Africa

Si dice solo chi c’è stato può capire. Chi non c’è stato, lo può solo immaginare. Se da una parte è una condanna, dall’altra è senza dubbio una benedizione. Stiamo parlando del cosiddetto “mal d’Africa”, la sensazione di forte nostalgia per il Continente Nero (che celebra la sua giornata, l’Africa Day, il 25 maggio di ogni anno).

L’AFRICA È considerata la culla dell’umanità, la terra in cui la nostra specie ha mosso i primi passi per poi diffondersi in tutto il pianeta (i moderni esseri umani giunsero in Europa circa 40mila anni fa, un battito di ciglia dal punto di vista della storia del pianeta) parliamo dell’Africa.

Oltre all’evento del 25 maggio, la Farnesina organizza per il 26 maggio:

1) Un evento, in partenariato con il Servizio intercultura delle Biblioteche di Roma, sul contributo alla scena letteraria italiana dato dagli autori afrodiscendenti, che si terrà alla Biblioteca Nelson Mandela di Roma e che vedrà gli interventi di Espérance Hakuzwimana, Pap Khouma e Takoua Ben Mohamed, moderati da Ingy Mubiayi.

2) Un webinar degli Istituti Italiani di Cultura di Dakar, Pretoria, Nairobi e Addis Abeba che si svolgerà dalle ore 18:00 (ora italiana), con la partecipazione di professori universitari italiani esperti di letteratura africana.

Lascia un commento

italiacamerun Aedic associazione

A.E.D.I.C.
Camerun - Yaounde
Italy - Gorizia