• +39 334 3482408
  • info@aedic.eu
  • Mon - Fri: 9:00 - 18:30
Crisi SONARA COBAC prestiti bancari in sospeso in Camerun

Crisi SONARA: COBAC sospensione deI prestiti bancari in sospeso in Camerun?

La Commissione bancaria centrafricana (COBAC) ha avvertito che la sospensione delle attività della Compagnia nazionale delle raffinerie di petrolio (SONARA) ha fortemente influenzato il mancato pagamento dei debiti in Camerun.

L’incedio ha infatti completamente distrutto le unità 10 (distillazione atmosferica), 30 (frazionamento e stabilizzazione delle essenze), 40 (frazionamento di gas vegetali e di lavaggio di buspo, gas domestico) e 70 (trattamento delle acque di processo) , la raffineria, paralizzando le sue attività. Per quanto riguarda le unità 20, 50 e 100, le apparecchiature di analisi, il laboratorio e gli uffici, sono state parzialmente danneggiate.

Un’analisi dopo l’incidente che ha colpito l’azienda il 31 maggio, che ha danneggiato la catena di trasformazione dell’unica raffineria del paese, riducendo a zero la capacità di produzione nazionale di idrocarburi raffinati, mostra che il volume gli arretrati nel sistema bancario camerunese aumenteranno.

“La stima dei crediti lordi concessi a SONARA era di 119,3 miliardi di franchi CFA a fine aprile 2019, pari al 3,3% del volume totale dei crediti. Supponiamo che SONARA non sia in grado di far fronte al proprio impegno finanziario a causa della sospensione delle sue attività, nonostante il deposito di circa 87 miliardi di franchi CFA a fine aprile 2019, principalmente per i casi urgenti, il volume di gli arretrati nel sistema bancario camerunese sarebbero del 19,6% contro il 16,2% alla fine di aprile 2019 “, ha affermato la Commissione.

L’analisi di COBAC non è rassicurante per un settore in cui i debiti verso banche commerciali in Camerun nel 2016 ammontavano a 489 miliardi di franchi CFA. Pertanto, con 106 miliardi di franchi CFA di debiti non pagati nel settore della microfinanza nel 2017, il Camerun ha concentrato all’epoca il 79% di tutti i crediti in sofferenza di CEMAC.

Secondo COBAC, la sospensione della principale raffineria del paese, con una capacità di raffinazione di 2,1 milioni di tonnellate di greggio all’anno, ha un impatto sullo stock di crediti bancari in Camerun. Il management di SONARA ha deciso di sospendere gli obblighi contrattuali dopo l’incendio di quattro delle 13 unità produttive dell’azienda.

Il disastro che ha subito la compagnia Sonara appare nel momento in cui lo Stato del Camerun ha in programma di contribuire finanziariamente alla riabilitazione delle sue unità danneggiate. Il conto raggiungerebbe i 300 miliardi di FCFA. Creata il 24 marzo 1973, Sonara ha un capitale di 32.540 miliardi di FCFA.

Nel 2010 è stato avviato un vasto progetto di ammodernamento e ampliamento con l’obiettivo di aumentare la produzione della raffineria da 2,1 a 3,5 tonnellate di petrolio greggio all’anno. Il disastroso incendio del 31 maggio 2019 ha purtroppo fermato la fase 2 di questo grande progetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi