La Logistica Internazionale

Introduzione

Ogni giorno migliaia di tonnellate di merci si spostano nel mondo attraverso diversi sistemi di trasporto, dall’aereo alla nave al camion. Ogni merce che si sposta è un prodotto finito, un semilavorato o un materiale necessario alla produzione di altri materiali che si inseriranno in differenti filiere utili a migliaia di filiere. Tutti questi spostamenti quotidiani convergono su migliaia di punti rappresentati da aziende che usano questi materiali e li trasformano in prodotti finiti, che saranno a loro volta spostati verso altre aziende fino al consumatore finale. Dal consumatore finale, i materiali sotto forma di rifiuti saranno raccolti, trasportati verso nuove aziende, che li trasformeranno per renderli utili ad altre filiere, sotto forma di componenti o di nuova materia prima. 

Tutti questi flussi globali quotidiani e continui, costituiti da trasporti e trasformazioni successive, che coinvolgono l’intero globo vengono chiamati logistica.
Perché la logistica è una funzione fondamentale per l’azienda?
Perché è necessario considerare una logistica globale? 

La logistica

La logistique è una funzione fondamentale perché coinvolge tutti i settori industriali. Non esiste settore che non sia in qualche modo interessato da flussi logistici. Tutte le aziende di produzione hanno materiali in ingresso, trasformazioni e materiali in uscita. Le aziende commerciali sono a loro volta interessate da materiali che vengono acquistati, immagazzinati e successivamente distribuiti verso i loro clienti. Anche aziende di servizio hanno flussi logistici, materiali di consumo, così come i materiali di supporto al servizio hanno provenienze più o meno lontane e a loro volta destinazioni remote.
I servizi sanitari forniti dagli ospedali, per esempio, sono interessati da flussi di farmaci, alimenti, strumenti diagnostici e loro parti di ricambio, oppure i materiali per le degenze (federe, lenzuola, materassi, etc.). La ristorazione a sua volta può essere vista come un’azienda di trasformazione. I servizi di trasporto (ferrovie o linee aeree), oltre alla gestione dei passeggeri, devono ottimizzare lo spostamento dei mezzi (carrozze ferroviarie e aeroplani) e del materiale necessario per la loro manutenzione.
Infine, anche aziende di software, i cui prodotti principali sono soluzioni digitalizzate, sono interessate da flussi in ingresso di materiale consumabile necessario alla gestione della strumentazione.

La logistica globale

La logistica è sempre più globale, non solo prodotti complessi e altamente tecnologici arrivano nelle mani del consumatore finale dopo migliaia di chilometri (telefoni cellulari, schermi TV, etc.), ma anche prodotti semplici come una t-shirt di cotone percorre mediamente più di 32.000 Km prima di essere indossata.
Non ne è esente il cibo, basti pensare che nei supermercati italiani si trovano abitualmente mele e pere provenienti dal Cile (12.000 Km percorsi prima di essere consumate), banane dall’Ecuador (5.400 Km), ananas dal Kenia (5.300 Km), l’uva e arance provenienti dal Sudafrica (8.500 Km), i salmoni dalla Norvegia (2.000 Km).
Gestire in modo efficiente ed efficace questi flussi è necessario non solo per garantire un margine alle aziende coinvolte nelle varie filiere, contenendo i costi, ma è necessario per riuscire ad avere il minore impatto ambientale possibile.
Con l’aumentare di eventi legati al cambiamento climatico, diventerà obbligatorio ripensare i network logistici in modo veloce per riuscire a fronteggiare da un lato eventi che potrebbero diventare anche catastrofici e che potrebbero mettere in discussione le forniture abituali, dall’altro sarà necessario razionalizzare opportunamente per sfruttare al meglio le risorse in ottica di economia circolare.

Esiste però un altro fattore che rende più difficile la gestione della logistica, ovvero il repentino cambiamento di un mercato sempre più esigente in termini non solo di tempi di consegna della merce più brevi, ma anche di rispetto delle tempistiche previste, che spinge le aziende a rendere visibili in tempo reale le posizioni dei singoli materiali. Tracciabilità e rintracciabilità diventano così due parole chiave imposte da normative più stringenti e da clienti più esigenti. 

Opportunità

Quali sono le opportunità legate a una logistica internazionale?

Numerosi sono i motivi che spingono le aziende a gestire flussi internazionali di merce, tra i principali quelli finalizzati a:

  • trovare materiali non disponibili nel proprio Paese, come le materie prime, basti pensare al cotone o a prodotti alimentari come la frutta esotica;
  • avere componenti e prodotti a costi inferiori, prima i Paesi dell’est negli anni novanta e successivamente i paesi del far east hanno rappresentato dei territori in cui la forza lavoro costava meno;
  • far fronte alle stagionalità, come avviene per i prodotti alimentari, e permettere la vendita di alcuni prodotti anche quando la stagione non è adatta;
  • accedere a mercati in cui è maggiore la competitività delle forniture, data la presenza specifica in alcune aree geografiche di distretti o aree a forte vocazione;
  • raggiungere nuovi mercati di sbocco;
  • diversificare il rischio delle forniture, puntando a una continuità della fornitura anche in presenza di eventi che potrebbero compromettere la fornitura da alcune aree;
  • ridurre i tempi di approvvigionamento, organizzando le corrette soluzioni di trasporto;
  • migliorare il servizio al cliente, arrivando nel mercato in tempi più rapidi e a costi più competitivi.

Rischi

Diviene però necessario fare attenzione al fatto che l’internazionalità comporta nella gestione della logistica anche dei rischi, tra i quali:

  • il Paese entra in conflitto con altri o avvengono degli stravolgimenti politici.
  • Il Paese entra in una crisi economica.
  • Mancanza di competenze nel territorio con difficoltà di reperire personale sufficientemente qualificato o formato.
  • Mancanza di connettività, importantissima vista la necessità di condivisione delle informazioni in tempo reale .
  • Mancanza di tutele legali.
  • Rischio di cyber attacks.
  • Mancanza di rispetto dei diritti civili o sfruttamento dei minori o di minoranze.
  • Impatto ambientale.
  • Eventi meteo estremi (uragani, tifoni, periodo di siccità).
  • Catastrofi naturali (inondazioni) o artificiali (incidenti nucleari).
  • Pandemie.

La logistica è una funzione chiave per le aziende in grado di permettere la sostenibilità economica ed ambientale. Organizzare correttamente i flussi di materiale e il loro stoccaggio è condizione necessaria per contenere i costi e permettere di soddisfare adeguatamente il proprio mercato. Ogni azienda deve essere consapevole della struttura della propria supply chain, compresi i punti di debolezza. Per questo è necessario un monitoraggio continuo dei flussi logistici al fine di valutare continuamente le prestazioni operative.

italiacamerun Aedic association

A.E.D.I.C.
Cameroun - Yaoundé
Italie - Gorizia

fr_FRFrançais