Fatture non pagate: 67 società minacciate di divieto doganale

Camerun: Tasse e Fatture non pagate 67 società minacciate di blocco doganale

tra e altre Bolloré è una delle società interrogate.

Edwin Fongod Nuvaga il direttore generale delle dogane, è intervento in prima persona. Ha chiesto a 67 aziende di conformarsi alla legge. Queste aziende sono multinazionali e industrie agro-alimentari.

Tra le altre si trovano aziende importanti come: logistica Bolloré Africa, Cotton Development Company (Sodecoton), Razel Camerun, Arabe Contractors Camerun, Viettel Camerun, Les Laboratoires Biopharma, Aéroports du Cameroun (Adc), Guinness SA, Maersk Cameroun SA, Hevea Camerun (Hevecam), Camerun olio Transportation Co .

La maggior parte di queste aziende produce prodotti alimentari di consumo e altri prodotti di uso comune.

Ciò che sta accadendo è che è stato notato che le società indicate non pagano i dazi doganali come previsto dalla legislazione in vigore . Tuttavia, il dipartimento delle dogane ha istituito delle procedure per fare in modo che le loro merci non rimangano bloccate. Si  scopre ora che le aziende hanno la possibilità di ricevere i loro prodotti senza pagare i dazi ma possono pagare successivamente. Con questa possibilità, evitano perdite finanziarie dovute a danni e possono facilmente pagare le loro commissioni in un secondo momento. Viene tuttavia aggiunto un servizio per consentire allo Stato di riacquistare il possesso dei propri diritti. Tuttavia, queste società successivamente si rifiutano di pagare, accumulando così fatture e tasse non pagate che impediscono alla Direzione Generale delle Dogane di raggiungere i suoi obiettivi.

Il quotidiano L’Anecdote, che si occupa anche di questo caso, riferisce che:

“la DGD (Direzione generale delle dogane) è stata incaricata di compiere ulteriori sforzi per recuperare le entrate conformemente agli obiettivi del programma economico e finanziario con il Fondo monetario che prevede di aumentare le entrate non petrolifere per frenare gli effetti della crisi petrolifera e la dipendenza da questa risorsa “.

Pertanto, il direttore ha prescritto il rafforzamento della sorveglianza, il monitoraggio della liquidazione dei regimi sospensivi, il miglioramento della qualità del servizio reso agli utenti, il miglioramento della riscossione di dazi doganali e tasse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi