Boko Haram: Paul Biya sostiene i membri del comitato di vigilanza contro il Terrorismo nel Nord del Camerun

Combattere Boko Haram.

paul-biya-conto-boko-haramQuesta è la parola d’ordine. E Paul Biya il residente del Camerun sostene e invia donazioni ai membri del comitato di vigilanza che combattono i terroristi nel Nord del Paese.

Il capo dello stato del Camerun, il presidente Paul Biya, sta lavorando per sostenere i membri dei gruppi locali di vigilanza e difesa a Kousseri, nella regione del Far-North, tutti questi gruppi operano per respingere le incursioni del gruppo jihadista Boko Haram

Un’assistenza e sostegno speciali sono stati dati ai gruppi di autodifesa Logone e Chari sabato 17 agosto 2019 da Midjiyawa Bakary, governatore della regione del Far North. Le autorità affermano che il pacchetto contro il terrorismo varato dal Presidente della Repubblica rafforzerà i gruppi di autodifesa nella lotta contro i terroristi di Boko Haram e che si tratta di un riconoscimento ai contributi forniti dai gruppi di autodifesa alla lotta contro il terrorismo.

“È il periodo di ritorno a scuola, e la maggior parte dei membri dei comitati di autodifesa sono genitori, lasciano tutte le loro attività quotidiane per concentrarsi sulla protezione del territorio nazionale.” Ecco perché il capo di stato ha deciso di concedere questo aiuto materiale e finanziario “, ha detto il governatore del Far North ai media statali.

boko-haram-terrorristi-nord-camerun-nigeria

terroristi di Boko Haram

Con equipaggiamento rudimentale, i funzionari affermano che gruppi di autodifesa sono riusciti a respingere Boko Haram e a impedire di terrorizzare il dipartimento di Logone e Chari. Alcuni membri di questi gruppi hanno persino perso la vita in servizio di difesa del territorio del Caerun.

“Prima delle congratulazioni, c’è un’altra missione che il Capo dello Stato ha affidato loro, quella di promuovere la convivenza del Paese ” , ha dichiarato il Governatore Bakary.

Il programma di assistenza del Capo dello Stato, che non è il primo nel suo genere, comprende derrate alimentari come sacchi di riso, mais e arachidi, nonché rilevatori di metalli portatili, torce, telefoni, pezzi di ricambio per le motociclette e biciclette, impermeabili e cabine.

La somma stanziata pari a 05 milioni di CFAF fa parte della dotazione presidenziale assegnata al miglior gruppo di difesa.

L’ascesa di Boko Haram in Nigeria e la sua diffusione in altre parti del bacino del Lago Ciad hanno innescato la proliferazione di diverse forze spontanee di difesa della comunità, note anche come gruppi di autodifesa del Camerun.

In risposta agli attacchi di Boko Haram, la popolazione locale si è autodeterminata e ha rifondato i gruppi indigeni di autodifesa che erano efficaci per la loro sopravvivenza, con l’idea che sarebbero stati efficaci nella lotta contro i terroristi di Boko Haram.

Al culmine delle sue attività Boko Haram tra il 2009 e il 2015, hanno attaccato una serie di obiettivi, lasciando sulla sua scia morte e distruzione. Questi obbiettivi includono chiese, moschee, scuole, università, mercati, stazioni di polizia e persino installazioni militari. Hanno bombardato luoghi, ucciso e violentato donne, ucciso bambini, preso ostaggi e occupato territori con la forza delle armi.

Ma le coraggiose forze camerunensi si sono sollevate contro questa furia e hanno respinto i terroristi, motivo per cui il presidente Biya oggi, incoraggia i gruppi locali di vigilanza a integrare e cooperare con le forze di sicurezza.